Strada Agazzana, 35 - Tel. 0523 458929
Il Raineri a "Frutti Antichi"

Durante le giornate di sabato 5 e domenica 6 Ottobre si è svolta al castello di Paderna (PC) la manifestazione “Frutti antichi”. L' istituto ha partecipato con diversi progetti: una tavola rotonda sulla biodiversità, un esposizione di attrezzi agricoli e varietà antiche del frutteto scolastico, laboratori sviluppati appositamente per la manifestazione.

Seguono le relazioni degli studenti e le gallerie fotografiche relative ai diversi progetti.

 

Tavola rotonda biodiversità

È stato un dibattito studentesco sulla biodiversità e le sue tematiche attuali e del passato.

 

Tematiche:

  - aspetti scientifici (botanici e naturalistici), con prof.ssa Battaglia e prof.ssa Taina;

  - aspetti storici e territoriali, con professoressa Martinelli;

  - aspetti economici, con professoressa Molinari;

  - aspetti tecnologici e implicazioni bioetiche, con professor Aspetti.

 

Approfondimenti:

Alla tavola rotonda hanno partecipato gli alunni Francesca Bonetti 5B, Marta Papa 5B, Chris Gandolfi 5B, Bianca Maria Tubera Mazilescu 5B, Alessia Orlandi 5A, ciascuno dei quali ha esposto la propria parte.

L’alunna Francesca Bonetti ha introdotto l'argomento della biodiversità, parlando della sua importanza e della sua distribuzione, in seguito ha spiegato come l'uomo influisca negativamente su di essa e le tecniche di salvaguardia.

L' alunna Marta Papa si è occupata della valorizzazione della biodiversità prendendo in osservazione una zona umida splendido esempio di come esistono aree naturali ricche di diversità;

L’alunno Chris Gandolfi ha parlato degli organismi geneticamente modificati, cosa sono, che scopo hanno, chi li tutela e gestisce e per finire bioetica.

Le alunne Alessia Orlandi, Bianca Tubera si sono occupate dell’aspetto economico della biodiversità ovvero come si può stimare questo valore, come salvaguardarla; si è parlato anche del mercato della biodiversità e come l'italia cerca di sostenerla.

L’alunna Francesca Bonetti ha terminato la conferenza parlando del nostro frutteto scolastico, di alcune varietà antiche di frutta e verdura e le loro proprietà organolettiche uve di fine ’800 e inizio ‘900 che venivano coltivate e vendute nel piacentino, ed ha introdotto un breve video dove veniva mostrato un progetto chiamato “La cesta dell’ortolano”.

Se vi abbiamo incuriositi vi aspettiamo alla prossima tavola rotonda!

 

Esposizione attrezzi agricoli e varietà antiche del frutteto scolastico

Gli studenti si sono occupati dell’esposizione dei modellini di attrezzi agricoli, degli aratri antichi e delle varietà antiche del frutteto scolastico.

Lo stand espositivo, nella cornice della stalla del Castello, ha ricevuto numerosi visitatori incuriositi dagli attrezzi agricoli ai più sconosciuti: l’erpice, il ranghinatore, lo spandi concime, accanto ad aratri primitivi in uso agli antichi romani.

I cesti di frutta, suddivisi per varietà (mele e pere cotogne, pere settembrine, mele verdone) hanno sollevato interesse anche in relazione alle antiche ricette di cucina.

Infine i ragazzi, con l’aiuto della professoressa Croci, hanno presentato - con l’ausilio delle diapositive - la situazione italiana dell’agricoltura dell’Ottocento spiegando gli attrezzi utilizzati e la loro evoluzione (con riferimento ai modellini esposti) nonché le “cattedre”, ovvero le istituzioni agricole con lo scopo di insegnare agli agricoltori tecniche innovative per migliorare la produzione.

 

PARTECIPANTI:

Tubera Bianca Maria (5b), Maserati Davide (4b), Oppizzi Andrea (5a), Ferrari Alessandro (3c), Fogliazza Leonardo (3b), Civardi Enrico (3b), Caramella Alessandro (3b), Boscagli Alessandro (3b), Piazza Lorena (3a), Veneziani Agnese (3a)

TUTORS Professori:

Vantadori Stefano, Foti Maria Maddalena, Mara Croci, Valla Elide.

 

Laboratorio di estrazioni vegetali 'Colori, profumi … l’anima della natura'

Sono state mostrate al pubblico diverse tecniche di estrazione, ed in particolare:

- macerazione in olio di riso e alcool etilico
- enfleurage (a base di grasso purificato e fiori)
- estrazione con alambicco
- estrazione con Soxhlet 
 
Questo laboratorio si è tenuto con la supervisione della professoressa Pietrafesa e degli alunni: Luca Badavelli (3B), Riccardo Baldi (4B), Flavio Ceresa (4B), Sabrina Marenghi (4B).
 

Laboratorio cereali: 'Dal grano alla farina', con mulini, setacci e buratto

Il laboratorio delle farine si è tenuto con la supervisione del professor Giuliano Di Pierdomenico e la partecipazione degli alunni Ferrando Alex (4A), Tommaso Davoli (3B), Stornelli Marco (5B) e Giacomo Clini (3C). All’evento ha partecipato anche la famiglia Bruzzi il cui padre si dedica alla costruzione di mulini a pietra. Sono state spiegate le caratteristiche organolettiche delle farine, e sono stati mostrati vari tipi di piante di cereali e semi. In particolare si sono tenute dimostrazioni d’uso di diversi strumenti come il buratto che è una setacciatrice elettrica che divideva in 3 tipi di farine e ne scartava la crusca; il mulino manuale, i setacci in serie e diversa maglia.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.