GLI STUDENTI DELL’AGRARIO “RAINERI” VINCONO ALLA FIERA DI FIDENZA

Motivata partecipazione dei giovani al carosello del bestiame

Nella giornata di lunedì 9 ottobre gli studenti dell’ITAS “RAINERI” di Piacenza hanno partecipato classificandosi PRIMI vincitori alla valutazione morfologica bovine da latte nel contesto della Fiera di San Donnino a Fidenza (PR), confrontandosi con altri compagni provenienti dagli Istituti Agrari della Regione Emilia Romagna; il Comune ha desiderato convintamente che fosse inserito nel programma degli eventi uno spazio dedicato alla zootecnica, così è stato accolto l’invito dall’Associazione Regionale Allevatori.

Impegnati nel ring della valutazione i ragazzi, Solari Carlo, Bezzi Edoardo, Scrocchi Beatrice e Clarissa, Romiti Giulia, Colombi Matteo; la competizione come sempre ha assunto un importante aspetto didattico articolandosi nella valutazione di bovine di razza frisona italiana e bruna, è stato un momento estremamente formativo assumendo una valenza laboratoriale importante per il profilo in uscita dei ragazzi.

L’entusiasmo dei giovani era palpabile, come manifesta Carlo: “è stato impegnativo in quanto abbiano dovuto valutare categorie di giovani animali, manze  sia di Frisona che di Bruna, diversamente dalle altre gare a cui partecipiamo.”; aggiunge Clarissa “ero emozionata proprio per la novità di valutazione di animali non ancora in produzione, ma è stato un momento di importante confronto”.Il giudice di gara l’Ispettore Zilocchi Corrado si è sinceramente complimentato con gli studenti del Raineri nel conferire il premio di primi classificati per entrambe le categorie, in quanto era una valutazione non semplice visti i giovani esemplari di razza.

La preparazione tecnica, la capacità di organizzare il lavoro di gruppo, una qualificata proprietà di linguaggio degli studenti nasce da un loro particolare impegno, facendo parte attiva del gruppo valutazione della scuola, offerto loro come attività extra didattica coordinato dai docenti Gioia Emanuela, Vantadori Stefano, Bernizzoni Fabio, e con la collaborazione dell’Ispettore A.N.A.F.I. Bianchi Giovanni.

Questo aspetto e questo impegno indicano bene come l’offerta formativa della scuola sia incentrata su una formazione tecnica dei futuri Periti Agrari sempre più qualificata e radicata sulle produzioni del territorio.

 

 

 


Pubblicata il 13 ottobre 2017