La cesta dell'ortolano piacentino

 

Il Concorso 'Io amo i beni culturali' è nato nel 2011 su iniziativa dell'Istituto per i beni culturali e dell’Assessorato scuola, formazione professionale, università e ricerca, lavoro della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con l’USR - Ufficio scolastico regionale per l’Emilia Romagna, Genus Bononiae - Musei nella città e il MOdE - Museo officina dell’educazione del Dipartimento di scienze dell’educazione dell’Università di Bologna con il patrocinio dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

L'obiettivo è avvicinare i giovani al patrimonio culturale e alle istituzioni che lo conservano, favorendo la loro partecipazione attiva e creativa e sostenendo la crescita di cittadini autonomi e consapevoli. I musei, gli archivi e le biblioteche della regione vengono invitati a unirsi in partenariato con le scuole secondarie per presentare un progetto che nell'anno scolastico successivo valorizzi il museo o l'archivio prescelto, o un bene culturale sul territorio. 

Tra i progetti vincitori dell'edizione 2016/2017 vi è anche il progetto “La cesta dell'ortolano piacentino. Antiche varietà dai campi alla tavola”, presentato dalla Biblioteca comunale Passerini-Landi di Piacenza, dall'Istituto agrario e dall'Istituto alberghiero del campus “Raineri” di Piacenza, in collaborazione con il Museo della civiltà contadina di Piacenza e con il Museo della vite e del vino Fernando Pizzamiglio di Vigolzone. Il progetto ha ottenuto la menzione speciale dell'Assessorato all'agricoltura della Regione Emilia Romagna come miglior progetto volto alla valorizzazione del territorio rurale e dei prodotti agroalimentari regionali. 

Referenti del progetto: Daniela Morsia della Biblioteca comunale “Passerini-Landi” di Piacenza), Claudia Martinelli e Primina Arbasi dell'Istituto Agrario ed Alberghiero di Piacenza, Rosa Pagani del Museo della civiltà contadina di Piacenza, Ferruccio Pizzamiglio del Museo della vite e del vino Fernando Pizzamiglio di Vigolzone).

 

Link a video intervista 1 - Link a video intervista 2

Link alla pagina web dedicata al progetto, dal sito della Biblioteca Passerini Landi.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.

Approfondisci